Benvenuto DOC !

Stretta di mano con Doc

Usi a scopo terapeutico anche Integratori o per te esiste solo il ‘vecchio e caro’ Farmaco?

Solitamente quando mi presento per la prima volta, entrando in un nuovo studio medico faccio sempre questa domanda come preambolo.. (magari con parole e tatto diverso ma qui facciamola semplice)

Diciamoci la verità, spesso il tempo è poco, il telefono squilla e lo studio gremito di pazienti (che per di più te la tirano perche sei entrato prima di loro) fa aumentare lo stress generale e tutto ció non aiuta ad instaurare una conversazione completa di premesse.

Ti piace che si arrivi direttamente al punto e così, l’informatore cerca di capire velocemente (quando è bravo..) quali esigenze esistono e se e come in qualità di perfetto sconosciuto e rappresentante dell’azienda X, ti possa aiutare a gestire il caso specifico con l’Integratore Y.

Il problema qual’è (avrei dovuto usare il plurale ma concentrati su questa cosa per ora):
È che se tu non sei ‘addicted’ o comunque innovativo abbastanza da prendere in considerazione anche un Integratore al posto del solo farmaco per quella determinata esigenza, per lo meno in fase iniziale.. si perde tempo entrambi.

Sia tu che io dovremmo toglierci immediatamente il dente e precisarlo!

Una volta ho assistito all’intervista di un collega Informatore che andato da un nuovo Cardiologo per presentargli la sua soluzione si è sciroppato un monologo di 10 minuti (cronometrati, giuro) sul perché gli Integratori non andavano bene, quanto fosse migliore l’approccio immediato con il farmaco, ecc ecc.

Esiste scetticismo e parecchia disinformazione nei confronti degli Integratori Alimentari (anche se i dati ufficiali indicano sempre più interesse ed approvazione, source, source ).

Questo Blog è indirizzato verso un determinato ‘Target Medico’, evitando così di far perdere tempo a tutti gli altri; scusa la schiettezza ma sei tu che entri in ‘casa mia’ e non io che vengo ‘a freddo’ nel tuo studio, quindi posso permettermi di fare le cose seguendo una scala logica.

Nella lettura di ogni mio articolo, prendi sempre in considerazione quanto segue:

lo scopo non è convincere ad usare un Integratore rispetto ad un Farmaco.. il confronto non verrà mai fatto. Esiste Google per questo. Ogni Medico, in scienza e coscienza deciderà a seconda del paziente da trattare, cosa sia meglio.

Mi rivolgo a chi ha già deciso, a chi vuole usare un approccio innovativo come lo definisco io, prima / anche con Integratore. È pieno di letteratura scientifica e l’evidenzierò man mano, a sostegno dell’utilità preventiva e terapeutica di alcune sostanze nutrizionali e fitoterapiche, specialmente sui due argomenti a me più cari (colesterolo ed omocisteina).

Bada bene che non sto dicendo che i farmaci non vadano bene e non servano. Ma non tutti, non così tanti e non così precocemente nell’evoluzione di una malattia.

Quindi, il perche usare un integratore rispetto al farmaco in determinate condizioni e/o patologie dovrebbe essere già assodato e comunque non di mia pertinenza qui.

Vorrei invece aiutare a focalizzarti su quali aspetti contano davvero per scegliere un prodotto rispetto ad un altro ed a risolvere tanti piccoli problemi che frequentemente sento accadere sia nella scelta che nella gestione della terapia con Integratori. (Scegliere X solo perchè l’informatrice è tanto carina.. e poi il paziente ti ritorna a studio senza aver risolto ma anzi con un problema in più.. può essere prevenuto!)

Voglio essere ancora più trasparente e dirti un’ultima cosa a riguardo:

quando dico Integratore non intendo tutti.. non voglio risultare saccente e presuntuoso, ma riferirò solo su quelli (che qui definiscono Integratori Medici) che producono un effetto fisiologico misurabile, che portano ad un cambiamento della condizione di salute concreto e quindi, parlo a te DOC, che corrisponda ad una diminuita spesa sanitaria.
Non è questa la sede per parlare di antiossidanti, multivitaminici generici, proteine ecc.

Insomma, con IntegratoriMedici.com affronterò tanti aspetti seri, per renderti più consapevole di un ‘mondo’ ancora poco esplorato ma con ottime potenzialità terapeutiche.

Buona lettura.

“One of the first duties of the physician is to educate the masses not to take medicine”
(William Osler, fondatore del Johns Hopkins Hospital)

3 thoughts on “Benvenuto DOC !

  1. AvatarToppillole

    Troppo spesso infatti trovo che l anello mancante tra i benefici che gli integratori potrebbero dare a chi li assume e le persone sono proprio i medici che nella maggior parte dei casi ne snobbano loro stessi l utilita.

    Reply
  2. AvatarGRAZIA

    Salve Claudio. Grazie per il tuo lavoro!
    Scusami, volevo chiederti se forse mi sono persa alcuni post…
    Rileggendone alcuni dello scorso anno, ho trovato che tu dicessi che, a breve, ci sarebbero state novità in campo integratori. Ci sono state?
    Io da quando ti leggo, utlizzo Betafolic Plus e Loxicor, anche se, eseguendo analisi solo una volta l’anno, non so ben orientarmi sul dosaggio del Betafolic Plus.
    Grazie Claudio

    Reply
  3. AvatarSantina

    Sono interessata poiché ho appena scoperto che mio figlio ha la mutazione mthfr in omozigosi,c677t e sono disperata. Omocisteina a 20 esto cercando di capirne di più.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.