Tutta la verità sulla mutazione Mthfr: scenario e terapia che non ti aspetti !

By | 15 Febbraio 2017

Ebbene si DOC, oggi inizio con un titolo “provocatorio”, perché non sai quante volte la classica risposta che mi sento dare è: “Ah si, l’Mthfr.. ok” annuendo con la testa, ma poi entrando nello specifico, mi accorgo che i ricordi sono spesso vaghi.

Chi in Italia è veramente ferrato sono in pochi, ammettiamolo, prettamente specialisti (!?) e questo a mio avviso è un problema, specialmente per i pazienti che sono invece gestiti in medicina generale.. quindi seguimi 5 minuti, non sarò logorroico, ma fammi riepilogare un momento:

L’ Mthfr questo sconosciuto!

Malgrado agli esami di Genetica & Biochimica me la sia cavata abbastanza bene, ho dovuto aggiornarmi, stimolato anche dall’aver scoperto, ahimè, di essere tra coloro che hanno la mutazione più ‘seria’ (Omozigote c677t)!

Ho iniziato così ad approfondire, a fare domande anche a Medici esteri (in Italia siamo rimasti ancora alla Folina come consiglio terapeutico 😱), per colmare molte mie curiosità e dubbi; quest’articolo è nato con lo scopo di sintetizzare le informazioni più aggiornate ed ufficiali che ho raccolto, permettendoti una scelta più consapevole di terapia.

Quindi iniziamo: che diavolo è questa ‘sigla’?

Nel 2003 completarono uno studio genetico chiamato “The Human Genome Project (HGP)” e grazie a questo si scoprí che un gene importante per la nostra salute e benessere, chiamato MetileneTetraIdrofolato Reduttasi (MTHFR), risultava mutato in un sacco di gente!

Questo gene produce l’enzima omonimo Mthfr, enzima fondamentale nella conversione dal folato (ultimo step) al metabolita attivo 5-mthf (Metilfolato).

 

metabolismo acido folico

Aspetta!!!

Fammi essere più chiaro, soprattutto se sei tra coloro che fino ad oggi non gli hanno dato peso: quando sussiste questa mutazione, l’enzima che serve a trasformare il 5,10 metiltetraidrofolato in metilfolato (rivedi lo schema affianco) non funziona come dovrebbe per cui ci sarà un deficit piu o meno marcato (a seconda della mutazione) di metilfolato (5-Mthf)! Questo è un dato!

Quindi, nella condizione di eterozigosi l’attività dell’enzima MTHFR risulterà circa al 70% rispetto a chi non ha la mutazione. In omozigosi invece, l’efficienza dell’enzima scende di molto attestandosi a circa 20% – 30% d’attività e questo è preoccupante, riducendosi drasticamente la quantità di folati attivi circolanti.

Il Messico e l’Italia sono i due paesi con la maggiore frequenza di mutazione Omozigosi (c677c): che fortuna! (source)

Come ho già spiegato in un altro articolo [source], solo la forma ‘attiva’ dei folati (metilfolato per l’appunto) entra nelle cellule e può svolgere le sue importanti funzioni (leggi dopo) mentre l’acido folico ‘classico’ (praticamente il 100% dei prodotti mutuabili..) per risultare utile dev’esser prima convertito. [della serie, repetita iuvant, nel caso ti fosse sfuggito, ti straconsiglio la lettura del mio precedente articolo sull’acido folico: source]

Ora, l’associazione che si fa sempre in questi casi è: Mthfr & Omocisteina (sbaglio?)

La sensazione però è che la gestione dei livelli di omocisteina è stata troppo ’esaltata’, focalizzandocisi troppo (per di più con un trattamento che spesso è inadeguato, ma ne parlerò in un altro articolo) ed il polimorfismo dell’MTHFR inteso nella sua globalità d’implicazioni sia molto sottovalutato; l’iperomocisteinemia è una questione complessa ed importante, collegata certamente, ma è un solo aspetto del problema!

Qui voglio focalizzarmi invece, su un fatto cruciale e ‘subdolamente PERICOLOSO’ che sembra non venir preso adeguatamente in considerazione: il processo di METILAZIONE.

A livello schematico, mi permetto di ricordarti che i Folati sono un nutriente essenziale per il bilanciamento della Metilazione, e quindi:

-la disintossicazione

-regolazione genetica

-la produzione ed il bilanciamento dei neurotrasmettitori (dopamina, serotonina, epinefrina)

-la regolazione e sintesi del DNA e RNA

-l’immunità (cellule T, NK)

-ecc. ecc.

(insomma, direi fondamentale!)

Mi sbizzarrisco solo un attimo con termini più ‘medichesi’ ma non perdere d’attenzione che è importante:

se i geni non hanno nessuna alterazione minore, chiamata SNPs (o Snips), possono svolgere normalmente il loro compito fornendo proteine ed enzimi perfettamente funzionanti. Se un SNP è presente in un certo gene invece, si riduce questa capacità di produzione, il che non causerà malattie di per sé, ma nel tempo la funzione ridotta di quella via, può causare cattive condizioni di salute.

Per esempio, A e B per formare C hanno bisogno della presenza di un enzima. Questo enzima è stato creato da un gene.

A+B=C

Quando il gene funziona correttamente, l’enzima funzionerà al 100% e questo porterà al 100% del prodotto C.

Se invece il gene ha un SNP, l’enzima funzionerà di meno portando ad una minore produzione di C.

A+B=C al 60%

Ok, hai ragione mi sto dilungando un pó troppo, ma la vera ragione per cui ti ricordo tutto questo, è che se un tuo paziente ha un SNP (mutazione) dell’Mthfr, potrebbe incorrere in problemi di salute correlati alla diminuita produzione di Folato Attivo e quindi ridotta metilazione; MA TU NON LO SAI!

metilazione

metilazione

Il gene MTHFR infatti, come puoi vedere dallo schema, è CENTRALE per molti processi biochimici ed Indipendentemente da quale SNP esiste (ricorda che le principali sono 677 & 1298, ma ne esistono molte altre, così come frequente è la possibilità d’incrocio tra mutazioni con differente gravità), il prodotto finale, il metilfolato, è indispensabile per due principali percorsi: il ciclo BH4 e la metilazione.

Cosa intendo per METILAZIONE? (il bh4 te lo risparmio, ne parlerò quando tratterò l’argomento Serotonina..)

In parole ultra semplici:

quello che il nostro corpo fa per eliminare le tossine , gli ormoni dello stress, l’istamina e gli Xenobiotici. ( il processo consiste nell’attaccare, ad un substrato, un gruppo metile (-CH3), così facendo si esegue un’azione).

Come bisognerebbe ‘sostenere’ la metilazione?

Parlando di disintossicazione, il primo focus è indubbiamente lo stile di vita, mangiando cibi sani e non raffinati; Aumentando la quota di frutta e verdura possibilmente biologiche, facendo movimento, evitando lo stress, dormendo adeguatamente ecc ecc ecc.

Il problema è che la vita moderna ci rende difficile mantenere questo stile di vita, così, spesso, cediamo a compromessi; la metilazione allora NE RISENTE. (source)

Mthfr non è, o per lo meno ancora oggi non esiste uno studio specifico che lo dimostri, direttamente collegato allo sviluppo di malattia; ma lo è indirettamente, ovvero: difetto MTHFR -> bassi folati attivi = Ipometilazione.

Ho scoperto che ci sono molti TUMORI collegati all’ ipometilazione. La ricerca su pubmed è abbondante (dagli un’occhiata).

Vediamo se indovino a cosa stai pensando adesso: “ Ma questa IpoMetilazione, alla fin fine, perché dovrebbe causare problemi “ ?

Fermo restando che la Metilazione è un processo biochimico molto intricato entrando in gioco più di una dozzina di geni, (e qui stiamo parlando solo di mthfr) ho capito che una delle prime cose su cui concentrarsi è la diminuzione di SAMe & Glutatione, oltre all’ aumento di omocisteina.

metilazione mthfr

Il Glutatione, prodotto dalla cisteina, è infatti il maggiore detossificante del corpo, ed una sua riduzione rende molto più vulnerabili a danni da stress e tossine esogene. L’accumulo di queste tossine e metalli pesanti in combinazione con i danni causati dallo stress ossidativo, può condurre alla malattia e ad un invecchiamento precoce. (source)

Inoltre, in particolare la mutazione C677T, può causare un deficit di SAMe.

SAMe (ricordi, c’è anche un farmaco tanto pubblicizzato) è estremamente importante in quanto prende i gruppi metile e lì ‘dona’ regolando oltre 200 enzimi nel corpo. E’ secondo solo all’adenosina trifosfato (ATP). Con la diminuzione dei livelli di SAMe , si è più a rischio.

Morale: se vuoi ridurre i fattori di rischio di malattia ed ottimizzare la salute dei tuoi pazienti, dovresti sempre testare l’ MTHFR.

Purtroppo come dicevo all’inizio, mi è capitato di parlare con molti medici che ritengono l’MTHFR non un grosso problema, spesso ininfluente, affermando che non c’è nulla di cui preoccuparsi – ed è tutta una moda passeggera.

Personalmente non sono d’accordo, oggi sottovalutare la mutazione Mthfr, significa ignorare la Metilazione. Non ho voluto entrare subito nel discorso omocisteina (l’affrontero in altro articolo) perché qui Il FOCUS, la prospettiva che voglio condividere è più ampia del singolo valore alterato; la Metilazione coinvolge tanti altri processi biochimici ed è un processo così fondamentale, che ridurlo ad un singolo dato è riduttivo!

Ricorda: avere una mutazione Mthfr non da sintomi immediati, il paziente non verra da te con un problema, ma  quando si abbassa la quota di Metilfolato il pericolo aumenta.

MA ASPETTA, prima di lasciarti andare a prendere un caffè, fammi essere più diretto:

Autismo (source)

Sindrome di Down (source). (source)(source).

Cancro al seno (source).

… sono solo alcune delle patologie associate alla mutazione dell’Mthfr ed alla relativa carenza di metilfolato! (source)

La rivista di psichiatria molecolare afferma che “sindromi simil-schizofrenia, disturbo bipolare, morbo di Parkinson, morbo di Alzheimer e demenza vascolare sono stati tutti associati con uno o più mutazioni del gene MTHFR”. (2006; 11, 352-360)

Eh NO!!!

Non basta sempre una dieta varia e ricca di frutta e verdura per stare a posto.

E’ certamente possibile bypassare “il blocco” ed ottenere folati dal cibo; le verdure a foglia verde crude (!) sono le migliori fonti.

Mangiare cibi ricchi di folati (spinaci e cavoli, asparagi, fagiolini, piselli, arance, noci ecc ecc.) è sempre cosa buona e giusta, SI !

Ma c’e un problema, anzi a dirla tutta più di uno (e questo punto ritengo sia fondamentale):

anche quando il corpo funziona a piena efficienza, solo circa il 50% dei folati ingeriti col cibo riescono ad essere assorbiti. La Cottura inoltre può distruggere fino al 90% dei folati. (source)

L’unico modo per esser sicuri ed aumentare l’assunzione di folati naturalmente è quello di mangiare una quantità industriale di verdure prettamente crude (meglio se biologiche..) e/o bere centrifughe / succhi con verdure verdi all’interno. (source)

Tutto ció poi, è vero finche esiste una condizione di eterozigosi. (se il tuo paziente è  ‘indisciplinato’ nell’alimentazione e le verdure non sa cosa siano, l’integrazione è comunque consigliabile)

In omozigosi invece, il gioco cambia purtroppo.

Aspetta, ma hai capito perchè?

Meglio riepilogare: i folati derivati dal cibo, devono in maggior parte (perche non sono nella forma attiva) essere trasformati in metilfolato, per cui in condizione di eterozigosi l’enzima funziona meno ma comunque è sufficientemente attivo e riusciamo con un’alimentazione adeguata a stare tranquilli, ma se ho un’omozigosi, funzionando molto molto poco l’enzima, pur mangiando adeguate quantità di verdura, e supponendo che con la cottura non ne perda (!), i folati attivi che riuscirò a formare saranno in minima parte.. ecco perché in omozigosi fare dei cicli d’integrazione sarebbe sempre da consigliare.

E’ pur vero che non esiste uno standard di cura per le mutazioni MTHFR.

Per questo, la variazione nelle prescrizioni è vasta (giuro ne ho sentite di tutti i colori):

-Nulla (solo alimentazione).

-Farmaco: Prefolic o Folina con dosi da 5 mg a 15 mg e quando siamo fortunati l’aggiunta di un farmaco di b12.

-Integrazione: Vari ed eventuali quasi tutti con 400mcg di acido folico (!!!).

Questo in termini generali, è il quadro che si prospetta a livello di prescrizioni (possono esserci piccole variazioni ma semplifico).

Quindi quindi quindi, DOC, quando hai a che fare con un paziente Mthfr Omozigote, abbiamo detto, non è di certo possibile modificare il gene difettoso, ma è possibile fare in modo che svolga il suo lavoro al meglio minimizzando i problemi.

Voglio dire, se guidi una macchina che può andare al massimo a 50 km/h, ed il limite di velocità è di 60, non vorresti guidare il più velocemente possibile? Questo è esattamente lo stesso fenomeno nel corpo. SNPs rallenta la nostra velocità di punta, ma le vitamine ci assicurano di poter ancora guidare al massimo della velocità possibile.

Ok! Ci siamo (spero).

Per oggi mi fermo qui, ma ho intenzione di concludere il concetto in una seconda parte dell’articolo dove andrò ad approfondire le varie strategie prescrittive, attuali ed auspicabili, basandomi come sempre, su dati concreti.

Come sempre fammi sapere cosa ne pensi, lasciandomi un commento qui sotto e vai subito a leggere la seconda parte cliccando qui:

Claudio Remedi
Seguimi

Claudio Remedi

Sono nato e vivo a Roma anche se l’estero mi sta attirando sempre più. Un diploma di Liceo Scientifico ed uno come Venditore, passo la giornata negli studi medici, girando come Informatore (settore Integratori) per mandanti Farmaceutiche. Da sempre appassionato di tecnologia e salutista, dati gli studi in Medicina ed il background Famigliare, ho avuto la stravagante idea di fare questo Blog. Se sei un Medico seguimi, ne scoprirai tante..!
Claudio Remedi
Seguimi

103 thoughts on “Tutta la verità sulla mutazione Mthfr: scenario e terapia che non ti aspetti !

  1. AvatarLuigi

    Purtroppo le tue osservazioni e i tuoi richiami alla classe medica hanno un fondamento. Ho vissuto e sto ancora vivendo un esperienza negativa a riguardo. Ti assicuro però, che le lacune evidenziate non coinvolgono unicamente i medici di base (quelli di famiglia per intenderci) ma per esperienza personale anche altre specialità quali: Ematologi, Cardiologi, Gastroenterologi e cito solo quelli con i quali mi sono confrontato. Nessuno dei tre, a distanza di anni, pur conoscendo la mia carenza di folati e b12, si sono limitati a prescrivermi Folina 5 mg e Benexol, non avendo cura, e questo non è mai avvenuto, di prescrivermi il dosaggio dell’omocisteina, ma soprattutto come ripeti spesso, di domandarsi se avessi mai fatto il test del DNA e nel caso specifico, quello del gene MTHFR. Non sono un medico ma grazie alla mia testardaggine e soprattutto ad internet, sono riuscito a sbrogliare la matassa, sono diventato medico di me stesso. Solo da poco ho scoperto che la folina e cioè l’acido folico non subisce la trasformazione sufficiente a chi come te e me ha la mutazione in omozigosi, quello che a me interessa è conoscere i prodotti che hai elencato e se gli stessi si trovano in farmacia. Hai ragione quando dici che l’unica difficoltà consiste nell’individuare la posologia necessaria ed in questo credimi i medici non possono aiutarti. Io faccio i controlli ogni 3 mesi in intramoenia bypassando il medico di famiglia. Avrei tanto da dirti sulla mia esperienza e sulle numerose patologie, alcune delle quali quasi scomparse, riconducibili alla mutazione predetta, ma se ti può far piacere in altra occasione sarò ben lieto di poter mettere a disposizione di chi ti segue la mia esperienza.

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Ciao Luigi, non mi aspettavo un messaggio così bello e pieno di vita vissuta, GRAZIE!
      Le tue parole confermano che sull’argomento ancora oggi c’e tanta confusione..
      Uno dei migliori prodotti per chi ha l’omocisteina alta e l’omozigosi MTHFR e’ il Betafolic Plus e SI, puoi trovarlo in farmacia. Ottimo i controlli ogni 3 mesi 😉
      Fammi sapere

      Reply
      1. AvatarElisabetta

        Ma il folato del betafolic plus è acido folico o metilfolato?

        Reply
        1. AvatarClaudio Remedi Post author

          Scusami Elisabetta.. ma il tuo commento e’ quanto di più delirante abbia letto.. anzi, correggo, GRAZIE per il tuo commento, mi hai fatto ridere (ed oggi più che mai mi serviva!).

          Ma ti pare che dopo aver scritto un articolo in cui dico peste e corna sull’Acido Folico.. vado poi a consigliare un prodotto che lo contiene? Ragioniamo prima di scrivere per favore.

          Il Betafolic Plus contiene Quatrefolic® !!!

          Reply
          1. AvatarElisabetta

            Il mio commento pecca di superficialità perché ho scritto in fretta sul cellulare e non avevo letto attentamente tutto l’articolo. Ma la sua risposta pecca molto in cortesia ed educazione.

          2. AvatarClaudio Remedi Post author

            Mi dispiace Elisabetta che tu pensi questo, nel rispondere non volevo offendere anche se come sottolinei ho usato termini ‘forti’ ma mai volgari. Detto ció, vorrei anche io sottolineare che a casa mia, se qualcuno mi fa una domanda assolutamente scontata solo perchè non ha avuto tempo e/o voglia di leggere bene l’articolo e ragionarci un secondo.. pecca altrettanto in cortesia ed educazione. Grazie comunque per avermi dato modo di chiarire.

    2. AvatarADELE DE CALES

      CIAO IO PER CASO HO LETTO L’ ARTICOLO…
      È SONO D’ACCORDO CON TUTTO CIÒ CHE È STATO DETTO…
      SOFFRO DA ANNI DI FIBROMIALGIA..
      E CON TUTTI I DISTURBI CHE MI PORTO APPRESSO..
      ORA SONO PIENA DI DOLORI MUSCOLARI…
      E ALLA RICERCA DI CURE ALTERNATIVE…
      STO’ SPERIMENTANDO I VARI PRODOTTI SU DI ME..
      PER CERCARE QUELLO CHE MI POSSA AIUTARE A SOPPORTARE DI PIÙ QUESTA PATOLOGIA…
      CHE OLTRE A DOLORI DIFFUSI .MI MANTIENE IN UNO STATO DI DEPRESSIONE FISICA E MORALE…
      CON MAL DI TESTA FREQUENTI E SPOSSATEZZA…
      A MIA VOLTA FACCIO USO DI VITAMINE PER CERCARE DI TIRARE AVANTI…
      FORSE ANCHE IO DOVREI FARE QUESTI ESAMI…

      Reply
    3. AvatarSantina

      Ho bisogno di una delucidazione. Mio figlio ho scoperto da pochi giorni che ha la tutazione in omozigosi. Per me è ancora tutto nuovo e sto cercando di capire. Sono in attesa dei risultati della b6,b12 e folati. È stato seguito da ematologo,remautologo e angiologo. Omocisteina a 20. La mia domanda è: chi è lo specialista chedeve seguirti per la mutazione,il genetista? Sono confusa e impaurita..il mio bimbo ha soli 14 anni e l altro 22. Dovrò controllare tutti i membri familiari suppongo

      Reply
  2. AvatarDaniela Piazzolla

    Ciao Claudio,
    grazie di questo bell’articolo, è difficile trovare informazioni utili su questo argomento..
    Io ho una mutazione MTHFR omozigote variante 1298A.
    ho fatto delle visite, ho visto dei dottori, ma non mi hanno soddisfatto, preferisco quindi gestirmela da sola.
    io integro costantemente con B6 e B12, 2 volte all’anno faccio una integrazione di prefolic, 2 volte all’anno prendo integratori di betaina.
    la mia omocisteina si è abbassata negli anni, 10 anni fa era 15 ora 9.
    Mi rimane un dubbio però: L’S-adenosilmetionina. Ho trovato informazioni contrastanti sul SAM, alcuni dicono che la metionina in un problema come il mio alza l’omocisteina, altri invece la consigliano. Io sarei più dell’idea che non va bene, anche guardando lo schema del metabolismo dell’omocisteina sembrerebbe che la SAM incrementi la produzione di omocisteina.. boh, tu cosa ne pensi?
    Io nel dubbio non la integro mai
    Grazie mille se mi risponderai
    e grazie anche se non mi risponderai, per l’articolo 😀
    ciao!
    Daniela

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Grazie Daniela,
      una cosa a cui tengo e voglio risottolineare: non sono un Medico e per le prescrizioni / consigli devi sempre rivolgerti a loro.
      Io da utente che ha studiato il problema ed ho la mutazione MTHFR in Omozigosi faccio dei cicli (non integro mai quotidianamente 365 gg l’anno) con Betafolic Plus, il SAMe non lo uso e sinceramente non ho dati sufficienti per aggiungere altro.
      Continua a seguirmi, a breve ci sarà una novità 🙂

      Reply
  3. AvatarLuigi

    Se posso essere utile a Daniela per quanto riguarda la sua insoddisfazione (che è anche la mia) riguardo ai medici che non la soddisfano, c è un medico in Italia che si batte in tal senso. Io l’ho scoperto navigando su internet. Ero alla ricerca di argomenti inerenti la carenza di Folati e di Vitamina B 12. Un suo articolo mi ha immediatamente colpito. Definiva l’omocisteina un Killer. Era un articolo compreso in un titolo “La medicina che non devi sapere”. Precedentemente nessun medico e nessun specialista mi aveva mai prescritto l’esame dell’omocisteina. L’ho effettuato privatamente in intramoenia senza ricorrere al medico di famiglia. Ho scoperto così di avere un valore di 84. In seguito ho scoperto di avere placche aterosiche alle carotidi, ho constatato che varie patologie dalle quali sono affetto, sono riconducibili ad essa. Sono stato fino ad allora medico di me stesso. Non dico altro poiché sarebbe troppo lungo il racconto, perciò ti indico il nome del medico così potrai tu stessa informarti sulle sue attività. ( Dott. Bona Angelo): A novembre ci sarà un seminario a Bologna dove sarà presente anche il dott. Berrino. Sarei grato se potessi conoscere la tua impressione e anche quella di Claudio. Fatemi sapere.

    Reply
  4. Avatargiada

    Ciao!
    sono afflitta perchè proprio questa mattina ho effettuato una visita ematologica a Careggi e mi sono sentita rispondere che non devo fare niente perchè non ho niente. A seguito di 2 aborti il ginecologo mi aveva fatto fare delle indagini dalle quali era emerso che ho la mutazione MTHFR C677T in eterozigosi . La terza gravidanza è andata a buon fine, forse anche grazie al fatto che sono stata seguita come gravidanza a rischio per la mutazione MTHFR proprio a Careggi e perché durante i 9 mesi ho assunto PREFOLIC e Clexane. Il ginecologo dopo la nascita di mia figlia mi aveva consigliato poi di intraprendere un percorso in ematologia per tenere sotto controllo gli effetti della mutazione. In ginecologia mi seguono come gravidanza a rischio e in ematologia mi dicono che sono sana come un pesce e che non devo fare niente…. che amarezza! il mio medico di famiglia non mi prescrive nessun esame nè integratore…. come posso tenere sotto controllo gli effetti della mutazione? grazie
    Giada

    Reply
  5. AvatarAntonio

    Ciao,
    sono un ragazzo di 32 anni che da quando ha 15 anni ha scoperto con una mappatura genetica di avere il fattorei di Leiden V in eterozigosi e il MTHFR in omozigosi con omocisteina che tocca il valore 40.
    Mi hanno sempre dato una forte cura di folina e benadon (vitamina b12) insieme alla cardioaspirina e l’omocisteina è sempre scesa nei valori ottimali però più passava il tempo e più pensavo non fosse la cura giusta. Leggendo quello che scrivi e sottolineando che ho capito che non sei un medico, credi che con il betafolic plus potrei togliere folina e benadon ?
    Sto pensando di fare una prova di 1 mese con una compressa al giorno e poi fare le analisi per vedere come vanno i valori. Vorrei parlarne con il mio medico che mi segue in ospedale ma lui come altri non da importanza alla mutazione

    Reply
  6. AvatarDaniela

    Ciao Claudio, sono incappata nel tuo blog molto interessante perché ho appena scoperto che sono portatrice in omozigosi della variazione 677 C>7
    Il colloquio abbastanza rapido con il medico specialista genetico non mi ha granché soddisfatto. Mi ha consigliato di fare dosaggio omocisteina, vitamina. B12 e folati ogni tot mesi e prendere acido folico!!!
    Non ho livelli elevati di omocisteina. Ovviamente ho grande confusione in testa e ho iniziato a documentarmi. Mi chiedevo se potevi suggerirmi il nominativo di qualche medico preparato su Milano per una consulenza. Molte grazie
    Daniela

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Ciao Daniela.

      Purtroppo non conosco medici in zona Milano ma magari qualcuno che leggerà questo commento Si e potrà suggerirlo.

      Riguardo alla tua mutazione.. beh, non sei l’unica, anche io come ho scritto nell’articolo ho la mutazione in omozigosi ed omocisteina normale.. ma per questo faccio dei cicli di betafolic e comunque tengo sempre sotto controllo il valore ogni volta che faccio le analisi (l’omocisteina non e’ un parametro che i Medici inseriscono sempre durante le analisi di routine quindi devi dirglielo tu).

      Sinceramente rimango sempre molto scettico quando mi vogliono dosare il livello di b12 ed acido folico perchè come ho spiegato, un conto e’ quello che viene misurato dalle analisi ed un conto quello che poi viene realmente assorbito! Non me ne faccio nulla di livelli normali se poi non riesco ad assorbirlo a causa della mutazione..

      Ti saluto

      Reply
  7. AvatarCesare

    Ciao, volevo sapere quale test avete eseguito per rilevare la mutazione del gene MTHFR, se esiste qualcosa di europeo, nazionale aldilà del 23andme. Grazie.

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Cesare un’indicazione di laboratorio e’ difficile da dare perchè ce ne sono diversi ed a seconda di dove vivi il tuo medico specialista e/o di Famiglia saprà indicarti la struttura più vicina per eseguirlo. Ti confermo comunque essere possibile effettuarlo anche in Italia. Molti lo eseguono insieme / in aggiunta allo screening trombofilico. Grazie a te per il commento.

      Reply
  8. AvatarAlex

    Premetto che non sono medico e l’articolo non mi è del tutto chiaro, ma la domanda è semplice:
    Come verifico se sono affetto dalla mutazione?

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Alex scusami la franchezza ma.. come verifichi se hai, che so, il colesterolo alto, la glicemia sballata ecc ecc? facendo le analisi! Anche nel caso della mutazione MTHFR fai le analisi specifiche (ma basta cercare su google in base a dove vivi il laboratorio che le fa). Ciao

      Reply
  9. AvatarMarta Piscitelli

    anche se non sono un medico, ma un avvocato, per cui ho fatto fatica a scrutare i passaggi chimici, ho apprezzato si ma soprattutto ho ricevuto conferma nelle mie abitudini alimentari costituite da insalata verde e limone e sin da piccola,broccoli, cavoli ecc. Non ho mai tollerato i cibi raffinati, insomma questo articolo è una conferma alla rivoluzione che ho da sempre condotto.Grazie, salvato l’articolo sarà mostrato al primo dissidente!

    Reply
  10. AvatarAntonella

    Ciao Claudio
    grazie per il lavoro di informazione che fai, io ho girato vari ospedali e rivolta a vari specialisti ed è vergognoso constatare la superficialità con cui trattano le mutazioni in questione.
    Dopo innumerevoli aborti spontanei, verificatisi tutti allo stesso periodo di gravidanza e modalità, dopo che i vari ginecologi hanno fatto spallucce, ho dato fondo al portafogli e di mia iniziativa ho fatto lo screening genetico.
    Ovviamente mutazione del gene MTHFR C677T in omozigosi, PAI e cosucce varie e nonostante questo i medici ginecologi ed ematologi a cui mi sono rivolta continuano a negare la possibilità di collegamento tra poliabortività e mutazione del gene. Ti volevo chiedere il prefolic che ovviamente prendo contiene N5-metiltetraidrofolato di calcio pentaidrato 19,18 mg pari ad acido 15 mg, vorrei sostituirlo con Vita metafolic posso o è un dosaggio diverso?

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Grazie Antonella per le tue parole, ce la metto tutta. Non sono un Medico e come ben sai consigli non posso darne, comunque il prodotto della Solgar va bene in quanto contiene acido folico in forma attiva anche se il dosaggio e’ di 400 mentre il prefolic e’ un farmaco e ne contiene quasi 4 volte tanto.. sostituire con un dosaggio più basso quindi può essere solo il tuo Specialista a dirtelo. Se fossi mia sorella lascerei il prefolic magari aggiungendo un complesso b (meglio se con la b12 attiva..) e curerei l’alimentazione.. avere l’MTHFR in omozigosi purtroppo, tra l’altro, ci impedisce di detossificarci adeguatamente, pochi “veleni moderni” quindi (alcool, caffè e dolci pieni di zucchero e schifezze)! my 2 cents

      Reply
      1. AvatarAntonella

        Grazie mille Claudio, e ti assicuro che pur non essendo un medico, sei più esaustivo di tanti dottoroni pagati profumatamente a cui mi sono rivolta!

        Reply
    2. Avatargiada

      Antonella tieni duro!!! io ho avuto la tua stessa esperienza, dopo 3 aborti spontanei alla stessa epoca gestazionale mi sono rivolta al dottor Cela di Pisa. Lui mi ha fatto fare varie analisi dalle quali è emersa la mutazione MTHFR C677T in eterozigosi. Ho preso cardioaspirina e prefolic da 3 mesi prima di rimanere incinta e poi Clexane 4000 dal positivo ed è andato tutto bene, ma bisogna incaponirsi da sole!!! anche io ho lottato con medici ‘negazionisiti’… non mollare

      Reply
      1. AvatarAntonella

        Ti ringrazio Giada, a volte è davvero dura tanto che mi viene voglia di mollare, specie quando incontri medici che ti dicono che 4/5 aborti consecutivi sono colpa del caso!

        Reply
    3. AvatarClaudio Remedi Post author

      PREFOLIC FARMACO (15 mg.. dose molto alta)
      BETAFOLIC PLUS o altri (INTEGRATORI.. 400mcg.. dose decisamente più basso ma da tanti studi più che sufficiente a colmare mancanze)
      La poliabortivita e la mutazione mi cascano le braccia a sentir dire oggi che non c’e collegamento..

      Reply
  11. AvatarPilar Scorza

    Ciao, ho fatto le analisi ai miei bimbi, aspetto quelle dei gemelli, ma il grande gia’ so che ha la omozigote T677T, non so se e’ la forma grave, ma comunque… sono in Scozia e le analisi le ho fatte in italia…da quel che ho capito se lui ha questa la ho anche io e il padre, I medici qui non ne sanno niente, ho chiesto un referral per un genetista (anche per l’hla), ma si sono rifiutati…sto battagliando e mi sento impotente…ho letto quel che hai scritto tu e un altro sito, ma vorrei davvero capirci di piu’… io gia’ soffro di fibromyalgia, il grande di autismo lieve…poi non ti dico la guerra ancora in corso per far riconoscere la dieta speciale e l’intossicazione da mercurio che ha e gli sto lentiassimassimamente chelando con zinco e magnesio (dal 2012, purtroppo il padre da quest’anno ha deciso che erano stupidaggini e ogni volta che I bimbi vanno da lui gli da la peggio robaccia)… insomma se ti va di darmi un po’ di consigli, ti sarei molto grata. Sono su facebook oppure dimmi tu cosa e’ meglio.

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Ragazzi.. se avete la mutazione, non e’ un dramma! Bisogna solo stare più attenti e come scrivo nell’articolo, integrare a cicli cercando di seguire uno stile di vita e/o alimentare sano, insomma qualche accortezza in più ma si vive tranquilli. Posso capire lo stupore ed anche un pó di paura..ma iniziale solo perchè si scopre qualcosa di nuovo ma permettetemi di dire che I MALI sono altri..
      Pilar non so se tu o tuo marito avete la mutazione (probabilmente si ma dovreste fare il test) ma ripeto e’ sufficiente integrare con acido folico attivo (meglio se accompagnato da b12) e non c’e allarmismo. Riguardo al resto delle tue domande, purtroppo non posso aiutarti, non sono un Medico.
      Grazie per il tuo commento, ciao!

      Reply
  12. AvatarElda

    Anche io ho la mutazione mthfr c677t..lo scoperto perché dopo una preeclampsia in gravidanza con conseguenza la peggiore possibile (il bimbo è morto), ho iniziato a leggere e interessarmi dei fattori di rischio. I medici mi hanno prescritto degli esami tranne il mthfr, il quale lo fatto di mia spontanea iniziativa, spinta dalle informazioni lette in rete…oggi risulto positiva a questa mutazione. Non so proprio come comportarmi da ora in poi…se prendere dei integratori, quanti quando….da quale medico andare? Non mi fido più, sembrano dei burocratici che seguono solo i soliti protocolli… non so proprio come muovermi…comunque il tuo articolo è davvero interessante e informativo!! Grazie 🙂

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Grazie a te Elda.. non farti però scoraggiare, continua a ‘combattere’ ed a vedere il bicchiere sempre mezzo pieno.. e’ difficile, ma se non lo fosse forse non riusciremmo ad apprezzare il risultato finale dopo tanta determinazione; sii forte!
      Comunque quando hai la mutazione c677t dovresti assumere acido folico attivo (come Betafolic plus), almeno a cicli di tre mesi quando non stai in gravidanza..come integrazione e’ libera e non hai bisogno del Medico che te la prescriva. Discorso diverso quando vuoi / stai in gravidanza.. lì dev’esser lui a seguirti e comunque fatti dare sempre acido folico attivo. Ciao

      Reply
    2. AvatarIsabella

      Ciao Elda sono isabella e mi permetto di indicarti un medico , un ematologa esperta in poliabortivita, colei che ha capito che il mio problema andava preso col giusto peso( aborto tardivo in 21esima sett).
      Dopo avermi fatto fare esami completi tra cui quello che ha determinato il mio 677c in omozigoti, mi ha seguito tutta la gravidanza in via telefonica vista la mia impossibilità a raggiungerla ( cerchiaggio d’urgenza) .. mi ha fatto fare eparina abbasso peso molecolare fino a 2 mesi post parto.
      Parlo della Dott.ssa Rota che lavorava all’Humanitas a Rozzano. Só che ha cambiato ospedale ma se vuoi cercarla in internet la troverai sicuramente.
      Per mia esperienza ti dico : aiutati che il ciel ti aiuta , perché se stai alla speranza dei medici … loro la fanno sempre semplice!

      Reply
      1. AvatarElda

        Ciao Isabella. Grazie mille, per me questo è una preziosa informazione!! :*

        Reply
  13. AvatarMARIAGRAZIA VALGOLIO

    Claudio Remedi ti ho appena scoperto e già ti ammiro moltissimo! Grazie per i tuoi interessantissimi articoli. Mio figlio 26enne qualche anno fa aveva omocisteina: superiore a 50, era scritto così. Iniziò a prendere Folina poi Folidex..sai…i soliti medici…! Poi scoprimmo Normocis che leggo contenere più o meno gli ingredienti di Betafolic Plus. Manca però di L Serina sulla quale ho letto pareri contrastanti sul reale beneficio. Che ci consigli? Ci convertiamo al Betafolic Plus? Non abbiamo ancora fatto test per mutazione MTHFR, ma penso di sottopormici almeno io, appena mi sarà possibile e presumo sarà positivo, dai sintomi correlati che ho letto. Inoltre, mi consiglieresti per cortesia, per il mio colesterolo alto (ho 56 anni) un integratore efficace che non contenga acido folico come Armolipid Plus che prendo, ahimè, da anni? Ho letto che tu consigli Loxicor bustine; non cè un equivalente in formulazione compresse, che preferisco? Mi piaceva Armolipid Plus per la presenza di Berberis aristata,
    che sembra realmente efficace…ma contiene 200 mcg di ac.folico che, dopo le tue preziose info, vorrei evitare. Grazie, continua alla grande così. Ciaooo Grazia

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Grazie Grazie sei veramente molto gentile 🙂

      Ti rispondo al volo che vado di corsa ma ci tengo:

      – Se ti trovi bene con il prodotto da te citato va bene, il Betafolic Plus però non ha solo la Serina di differenza, ma se vai a vedere nel dettaglio le formulazioni, i dosaggi sono nettamente migliorati (aumentati) permettendo quindi un approccio molto più incisivo.

      – Il Loxicor in bustine e’ a mio parere al momento, come studi clinici e serieta di prodotto, il miglior integratore per il colesterolo in circolazione, grazie sia alla sua formulazione (Fitosteroli, Monacolina e Coenzima Q10) che soprattutto alle dosi (e’ lunico che rispetta le dosi consigliate dalle linee guida). Esiste anche in compresse ma non ha la stessa formulazione quindi.. valuta tu!

      Ciao

      Reply
      1. AvatarMariagrazia

        Ti ringrazio moltissimo della celere ed esaustiva risposta. Buon pomeriggio e a presto!

        Reply
  14. AvatarMariagrazia

    Ciao Claudio scusami se ti disturbo nuovamente…
    Ho letto che chi ha questa mutazione, sottoponendosi alle comuni vaccinazioni, va incontro con estrema facilità allo scatenarsi di malattie autoimmuni. Sinceramente mi sto allarmando…ti risulta qualcosa di concreto in merito?
    Grazie e buona giornata

    Reply
  15. AvatarMicaela

    Ciao, grazie per questo articolo davvero molto utile. Io ho entrambi gli mthfr in eterozigosi. Ho perso una gravidanza e per la seconda gravidanza la ginecologa mi ha prescritto acido folico e aspirinetta- così sono riuscita a portarla a termine. Purtroppo ho anche il colesterolo abbastanza alto( forse ereditario). Ho letto di un prodotto chiamato paleocomplex. Lo conosci? Come ti sembra? Sapresti consigliarmi qualche altro integratore utile per la mia situazione? Grazie

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Micaela grazie per il tuo messaggio.

      Un paio di considerazioni:
      -La tua ginecologa cosa ti ha dato? Acido Folico??????? Hai letto l’articolo?..
      -Paleocomplex lo conosco, ma a mio modo di vedere e’ più per ‘mantenimento generale’ che per intervenire su uno o più aspetti specifici. Per il Colesterolo il Loxicor ritengo sia al momento l’integratore migliore in termini di formulazione, dosaggio e studi clinici a supporto di ció.. Il Betafolic Plus invece per quanto riguarda il complesso b con acido folico attivo (Quatrefolic) utile in caso di mthfr mutato (anche in gravidanza va bene).

      Comunque se sei seguita dal tuo medico Ginecologo, chiedi a lui.

      Ciaooo

      Reply
  16. AvatarMicaela

    Ti ringrazio. Sono seguita dalla mia ginecologa che mi ha prescritto sempre acido folico purtroppo, anche adesso che non sono in gravidanza. È solo ora che vengo a conoscenza del fatto che risulti tossico per me. Ogni medico che trovo sottovaluta moltissimo questa mutazione ( o forse la conosce poco), quindi questo articolo è stato davvero illuminante per me. Per il colesterolo il medico di base mi ha solo detto di stare attenta alla dieta. Ma io ho sempre avuto una dieta abbastanza equilibrata. Proverò con questi integratori anche se mi sembrano un po’ costosetti. Grazie

    Reply
  17. AvatarPinella

    Salve Claudio , mi chiamo Pinella, casualmente nella speranza di risolvere uno dei tanti problemi che mi assillano , mi sono imbattuta nel tuo blog ,che trovo molto interessante . Da anni so di avere la mutazione in omozigosi ma non ho mai assunto integratori anche perché la mia omocisteina era addirittura sotto il range. Il motivo della mia ricerca è perché ho la fibromialgia e la sindrome da stanchezza cronica . Purtroppo questi problemi da sei mesi a questa parte stanno peggiorando anche perché io vivo delle condizioni di stress cronico a seguito di problemi familiari . Non ti dico quanti medici e nutrizionisti ho consultato e che puntualmente non mi hanno risolto minimamente il problema
    . Ho come L impressione che il mio corpo sia sempre più intossicato e dopo quello che ho letto proverò al più presto L integratore che tu hai consigliato. Ti chiedo gentilmente come devo usarlo a cicli .
    Ti ringrazio di cuore , Pinella

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Ciao Pinella, beh mi dispiace leggere quanto scrivi.. ma con ottimismo e senza mai mollare, alla fine si riesce sempre a ritrovare il sorriso!!
      Il Betafolic Plus io lo prendo a cicli di tre mesi.. poi a seconda di come sto, smetto per 1 o più mesi e poi lo riprendo per altri tre mesi e così via.. ti parlo di me, ma ognuno di noi e’ diverso, devi provare!

      Reply
  18. AvatarNicole

    Grazie Claudio per questo articolo.
    Io sono una donna di 29 anni..che fin da bambina ha sempre avuto problemi.
    Etichettata come “fibromialgica” per anni, grazie alle mie sole forze e studiando in rete,ho scoperto tramite biopsia di cute neurologica,di essere affetta da neuropatia Delle fibre nervose di piccolo calibro. Questo mi causa dolori continui,profonda astenia ,probabili segni di disautonomia cardiovascolare. Sempre indagando e facendo il test genetico,sono risultata MTHFR C677T in omozigosi… più altri geni legati alla detossificazione e infiammazione alterati.
    Da quello che ho capito,il mio stato di intossicazione ha portato negli anni a danneggiare a livello neurologico. Il mio medico è praticamente all’oscuro di tutto, perché non ne capirebbe nulla. Non ho mai nemmeno testato i valori di omocisteina..
    Avevo iniziato una cura detossificante che mi stava facendo migliorare i sintomi,ma ahimè l ho dovuta interrompere per problemi economici.
    Dovrò prendere coraggio (e soprattutto voglia) per spiegare il tutto al mio medico e farmi fare eventualmente altre analisi..

    Reply
    1. AvatarNicole

      Salve Claudio… Venerdi’ andro’ finalmente a fare analisi dell’omocisteina. Mai fatte in 30 anni.
      Mi era sorto un dubbio riguardo il Betafolic plus che ho recentemente acquistato..e desideravo chiederti un parere.
      Da quello che ho letto contiene cianocobalamina…… ma non è sconsigliata per chi ha mutazione? Avevo letto da qulche parte che vengono consigliate le altre forme di b12..tipo,mi sembra, la metilcobalamina. Un po’ come la storia dell’acido folico e dei folati attivi…. cosa ne pensi a riguardo?
      Nicole

      Reply
      1. AvatarClaudio Remedi Post author

        Ciao Nicole!

        Facci sapere poi com’e’ andata.. sapere il dato di partenza dell’omocisteina e’ fondamentale 🙂

        Per risponde poi alla tua ottima domanda, certamente se hai la mutazione del gene per la trasformazione della b12 sarebbe meglio la forma metilata ma.. non e’ così bianco e nero come invece per l’acido Folico. Mi spiego, mentre per la b9 la forma e’ o attiva o sintetica, per la b12 esistono 4 forme (di cui appunto la ciano la fa da padrone in molte composizioni) e sono assolutamente d’accordo con la riflessione del Prof. Gene Bruno (che qui puoi trovare in inglese: http://totalhealthmagazine.com/Vitamins-and-Supplements/Vitamin-B12-Cyanocobalamin-or-Methylcobalamin-Capsule-or-Sublingual.html) ove sinteticamente dice che la forma ciano se non hai problemi di mutazione anche dell’ MTHRR e’ preferibile in quanto permette la trasformazione sia in metil che in adeno.. entrambi necessarie! (molto interessanti alla fine dell’articolo le referenze scientifiche a supporto della sua tesi). Un’altra fonte da leggere e’ sicuramente questa: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4692085 !

        Poi Nicole, sta a te scegliere e valutare se e cosa acquistare. Ciao!

        Reply
        1. AvatarNicole

          Grazie mille per la spiegazione ! In effetti devo approfondire la questione genetica..ho fatto un pacchetto di esami che non includeva l’MTHRR.. e con i problemi che ho , è sicuramente meglio indagare.
          Grazie ancora….quando avrò i valori dell’ omocisteina mi piacerebbe renderti partecipe.
          Un abbraccio

          Reply
  19. AvatarSaverio

    Grazie Claudio dell’articolo,
    Dagli esami sono risultato MTHFR omozigote, il medico curante mi ha prescritto Lederfolin 7.5 mg 1 cp al gg . Si tratta di calcio levo folinato.
    Cosa ne pensi?
    Grazie

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Che essendo il tuo medico curante ti conosce, sa la tua situazione e se ti ha prescritto un farmaco avrà avuto i suoi motivi!

      Reply
  20. Avataralessia

    Ciao, interessantissimi i tuoi articoli!
    Ho la mutazione c667t in omozigosi, in passato ho avuto 4 aborti.
    Il Betafolic plus è solo in compresse, ma io ho difficoltà a deglutirle, potresti consigliarmi un equivalente in bustine per favore?
    Grazie mille!!

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Ciao Alessia, grazie 😊
      Il Betafolic Plus non è in compresse ma in capsule..fatto apposta per chi ha difficoltà a deglutire: apri la casula e scuoti la polevere in un bicchiere d’acqua e bevi! 😉

      Reply
      1. Avataralessia

        Scusa ho provato ma non funziona! La polvere dentro e dura e compatta e non si scioglie nell’acqua…

        Reply
        1. AvatarClaudio Remedi Post author

          Perdonami tu..Alessia!
          Riesco a rispondere ai messaggi sempre e solo di corsa e probabilmente ho scritto cose fraintendibili.

          Dicevo che a differenza di tanti altri prodotti in compresse , il Betafolic è in capsule e quindi (mio suggerimento) dá la possibilità, per chi ad esempio ha difficoltà dì deglutizione, di aprirla semplicemente (senza ad esempio stare a triturare un’eventuale compressa, sicuramente più difficoltoso) e diluire la polvere in liquido (acqua, succo ecc). Questo però non vuol dire che sia stato fatto per questo scopo..anzi..diciamo che è un escamotage da me suggerito per assumere il prodotto (che a mio parere è l’unico ad avere certe caratteristiche di fornulazione, utili a chi ha la mutazione mthfr).
          L’azienda che produce il Betafolic ha anche altri prodotti in commercio ed alcuni sono in bustina, in tal caso espressamente studiata per essere sciolta in acqua, in questo caso invece la polvere nelle capsule non è stata studiata per sciogliersi in liquidi ma, ripeto, mi sono sentito di consigliarti io questo stratagemma per ovviare al tuo problema (tra l’altro anche se non si scioglie bene può comunque essere assunta senza dare problemi)!

          Reply
  21. AvatarLuana

    Salve, ho letto con attenzione questo articolo e finalmente ho capito davvero di cosa si tratta. Io ho una mutazione mthfr in eterozigote, durante la mia prima gravidanza ho avuto pareri contrastanti in merito e alla fine ho preso aspirinetta fino alla 28 settimana e Prefolic +multicentrum fino alla fine. Ora sono di nuovo incinta e mi trovo di fronte a nuovi pareri, l’aspirinetta fatta sospendere anche perché mi riempivo di lividi e invece di Prefolic mi hanno dato multifolico dha. Ora non so come comportarmi, mi da un consiglio? Grazie

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Ciao Luana. Sinteticamente:
      -La mutazione in eterozigosi va sempre valutata e mai sottovalutata ma certamente a livello % e’ meno periocolosa dell’omozigosi. Un buon nutraceutico contenente acido folico attivo come il betafolic plus e’ più che sufficiente ma, ricordo, se sei seguita da un Medico e lui ha certamente chiara la tua situazione specifica, devi seguire sempre le sue indicazioni. Prova a chiedere se puoi utilizzare tale prodotto, ma mai fare di testa propria mi raccomando.
      -Non conosco il prodotto da te citato ma facendo una veloce ricerca su Internet mi e’ sembrato contenere acido folico nella forma classica… se hai letto i miei articoli, capirai quanto io sia contro a tale forma!!!

      Reply
  22. AvatarAlex

    Ciao, grazie per queste preziose informazioni.
    Siccome ho la suddetta mutazione in omozigosi con l’omocisteina leggermente alterata, mi è stato prescritto Normocis.
    Ora vorrei sapere se il tipo di acido folico/folato contenuto in questo integratore è quello giusto.
    Il sito http://www.inpha2000.it/prodotti/normocis-400/ dice acido (6S)-5- metiltetraidrofolico .
    Andrebbe bene?

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Ciao Alessandro.

      Prendo spunto da questo tuo gentile messaggio per fare chiarezza su un punto che, in effetti, ho dato per scontato, ma ritengo importante: non dite PRESCRITTO perché il Medico prescrive Farmaci ma quando parliamo di Nutraceutici / Integratori, per legge, possono essere venduti senza prescrizione medica, quindi sarebbe più opportuno dire, CONSIGLIATO.

      Il dettaglio dicevo e’ importante, perché mentre sono categorico quando esiste una prescrizione (ed infatti più volte vi ho suggerito di non fare di testa vostra ma seguire scrupolosamente le indicazioni del vostro Medico che conosce la vostra situazione specifica), quando si consiglia un integratore dovete essere voi ad informarvi su cosa contiene e se esiste in commercio qualcosa di simile ma formulato meglio.

      L’esempio lampante e’ un Integratore di Acido Folico.. il concetto per il Medico e’ farvi assumere tale sostanza, ma in pratica nei miei articoli ho spiegato che ci sono grosse differenze tra marche che hanno acido folico sintetico ed altre che invece hanno acido folico attivo.. Anche le dosi sono fondamentali a mio modo di vedere, troppo blande non contribuiscono all’efficacia globale.

      Nel caso specifico, Normocis ha l’acido Folico attivo, quindi ok.. ma attenzione ai dosaggi degli altri costituenti.. come per esempio la b12 e/o la b6 (comunque importanti al fine di abbassare l’Omocisteina).

      Se esiste un’alternativa migliore, magari anche meno cara, perché non saperlo? Informatevi sempre, siate curiosi.. il mondo dell’Integrazione e’ una giungla, sta a voi l’ultima parola!

      Reply
  23. AvatarPinella

    Ciao Claudio , ti seguo da un po’ di tempo ed ho iniziato ad assumere il Betafolic da qualche settimana grazie ai tuoi consigli , lo prendo pochi minuti prima di colazione e sinceramente non so se può andar bene . La domanda però che ti volevo fare a proposito della mutazione MTHFR in omozigosi è se bisogna diluire il sangue . Ho letto tempo fa che si dovrebbe assumere addirittura la cardioaspirina . Chiedo gentilmente una tua opinione , grazie

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Ciao Pienlla,

      grazie per le tue parole!

      Il Betafolic preso la mattina come fai tu va benissimo.

      La Cardioaspirina e’ un farmaco e come tale dev’essere prescritta da un Medico. Nello specifico poi, non puoi basarti su un ‘ho letto tempo fa..’, dipendo molto dalla tua situazione (quanti anni hai, condizioni di salute, sei incinta e/o lo speri a breve, ecc ecc). Il mio consiglio e’ di continuare ad Integrare e valutare se ad esempio l’omocisteina e’ nel range di normalita.. se lo e’ non mi preoccuperei, ma comunque un consulto Medico specialistico va sempre consigliato!

      Reply
  24. AvatarMariagrazia

    Caro Claudio buongiorno. Per quanto riguarda uno schema “generico” di assunzione per il Betafolic Plus cosa suggerisci? Ti ringrazio e saluto cordialmente.

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Quello che faccio io e’: 2 mesi IN ed un mese OUT di B.P.! Mangio molta frutta e verdura bio, cerco di evitare il più possibile alcolici e NON fumo!

      Reply
  25. AvatarLuca

    Ho una forma lieve di psoriasi. Per risolvere il problema (a me interessa l’infiammazione che sta anche dentro il corpo -ho familiarità per arteriosclerosi e problemi cardiovascolari-, di quella esterna mi importa poco), dietro consiglio medico (medico… evoluto!) ho eliminato glutine latticini e schifezze varie, iniziato a fare attività fisica regolare, ad integrare con omega 3 magnesio vitamine (A, C, D, E) zinco selenio vitamine del gruppo B in forma attiva (perché avevo anche omocisteina a 30 nonostante vita salutare, con l’integrazione delle vitamine del gruppo B l’omocisteina è scesa a 7).
    Nonostante quanto sopra la psoriasi è diminuita leggermente ma sostanzialmente è rimasta: siccome ho letto che la psoriasi può anche essere dovuta a stress ossidativo, e considerato il mio stile di vita salutare ed il tipo di antiossidanti che assumo in quantità (mangio molta frutta e verdura, integro come detto zinco selenio vitamine C, D, E, ecc.), ho da poco iniziato ad integrare giornalmente con un antiossidante più forte e che agisce diversamente rispetto ai predetti, cioè il glutatione, ed infatti sto prendendo anche il glutatione liposomiale, 400 mg. al giorno; mi sembra (mi sembra!) che finalmente qualche risultato più consistente inizi a vedersi.
    Ora nel tuo articolo ho letto che la mutazione MTHFR (non ho fatto il test ma credo di averla) porta ad avere livelli alti di omocisteina (problema da me risolto), livelli bassi di glutatione (problema che sto risolvendo, ammettendo di averlo ma credo sia probabile) e livelli bassi di SAME , starei pensando di INTEGRARE ANCHE COL SAME (alcuni integrano invece con acetilcisteina e acido lipoico, senza usare né glutatione né SAME).

    Lo so che non sei un medico, ma cosa mi dici?? I medici ad un certo punto ti dicono che devi rassegnarti, che la tua psoriasi ormai è poca cosa e basterebbe una cremina, ecc. Però io vorrei risolvere i problema psoriasi definitivamente e non con le cremine, visto che, ripeto, quello che mi interessa è l’infiammazione che sta dentro il mio corpo e non quella esterna (che però è spia di quella interna!!).
    Ti ringrazio in anticipo per la risposta e ti saluto.

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Ciao Luca, ti ringrazio per la fiducia e le belle parole, ce la metto tutta!
      Riguardo alla tua domanda, fermo restando che per il tuo problema devi assolutamente controllare il livello di Vitamina D, ma non so darti altro suggerimento se non consigliarti di farti seguire e/o chiedere una consulenza dalla Dr.ssa Ethel Cogliani di Nutrition Heal (cercala su Google).. segue un protocollo particolare che sinceramente approvo al 100%! In bocca al lupo ed ancora Grazie.

      Reply
  26. AvatarMariagrazia

    Salve a tutti! Per cortesia avrei bisogno di un info ad “hoc”. Nell’eventualità avessi la mutazione (non ho ancora approfondito) ci sarebbero controindicazioni nell’utilizzo di Samyr,
    (400 mg x due die) affiancandolo al Betafolic Plus che già assumo, per la mia fibromialgia e “astenia”? Gazie!!!

    Reply
  27. Avatarpatrizia

    Ciao, proprio in questi giorni stavo cercando informazioni sull’uso del’acido folico per chi (come me) è risultato povitivo alla mutazione MTHFR C677T in omozigosi.
    Ho fatto da pochi giorni una chiacchierata con mio fratello che ovviamente anche lui ha la stessa mutazione, e quando gli ho detto che sono due anni di seguito che prendo la Folina 5mg tutti i giorni, gli è preso un colpo! Abbiamo due medici di base diversi e non lo sapeva che il mio continua a presacrivermela! Lui l’ ha presa per un periodo ed a giorni alternati poi si è informato e ha deciso di smetterla e di cercare un’integratore solo con il folato. Quello che volevo chiederti è: visto il tuo articolo che conferma le paure di mio fratello, io avrò peggiorato la situazione con tutto questo acido folico? Non per l’omocisteina che intanto di è fermata a 10, ma per tutto il resto del processo? posso rimediare semplicemente smettendo?
    Sono allibita per tutta la situazione!! Grazie per l’articolo, per le informazioni e per la risposta 🙂

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Ciao Patrizia, e grazie per i complimenti (non scontati)!
      Si, se hai letto attentamente i miei articoli, chi ha la mutazione in omozigosi dovrebbe smettere di assumere folico sintetico e quindi passare a quello attivo. Io consiglio l’ultima generazione di acido folico, molto piu sicura ed assorbibile (quatrefolic) che e’ presente in un integratore che assumo personalmente, il Betafolic Plus. Riguardo invece al fatto se puoi o no aver avuto problemi con la vecchia assunzione, beh, forse si, forse no..non c’e’ un modo scientifico per appurarlo al 100% quindi, della serie meglio tardi che mai, smetti e sostituisci!
      In bocca al lupo per tutto.
      Ciao

      Reply
  28. AvatarLuca

    Claudio, vedo che Betafolic plus, oltre a contenere le vitamine, le contiene anche in dosi non omeopatiche, come accade in altri prodotti che sono cioè più o meno equivalenti all’acqua fresca.
    Vedo inoltre che contiene Serina che è utile nelle reazioni legate al folato.
    Vorrei chiederti, comunque:

    1) La serina, che non trovo però in altri integratori anche buoni, è necessaria per chi ha la mutazione MTHFR o no, considerato che di solito non viene consigliata/prescritta??
    2) La betaina (trimetilglicina) che invece viene spesso consigliata nei casi di mutazione MTHFR, non sarà in dosi troppo basse, essendo solo 200 mg.?? Ho infatti letto che la dose in questi casi dovrebbe essere tra i 500 e, preferibilmente, i 1000 mg.
    Ti ringrazio in anticipo per la risposta.

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Ciao Luca,
      ottime osservazioni.. ti rispondo sinteticamente ma in modo completo.

      – Si, il betafolic Plus l’ho scelto perche seppur NON e’ un prodotto perfetto, ha comunque alcune caratteristiche che a me piacciono (prima tra tutte la completezza delle sostanze che servono a chi ha mutazione mthfr ed omocisteina alta ed appunto, come anche tu hai notato, dosi NON omeopatiche).

      -La serina e’ fondamentale sopratutto quando hai l’omocisteina alta, in quanto partecipa insieme alla b6 nella cascata di transulfurazione, trasformando l’omocisteina in cistationina e poi alla fine della cascata in Glutatione! Personalmente sono molto felice di trovarla in questo integratore.

      -La betaina, come dici tu, sarebbe preferibile averla in dosaggio MOLTO più alto, si, sono d’accordo, MA come tante cose in Italia, la burocrazia taglia le gambe a tante belle idee.. quindi il Ministero ha deciso bene di stabilie un dosaggio massimo utilizzabile di betaina fino a 250 mg.. ecco perche non ne trovi di più nel betafolic.

      Grazie a te ed a presto.

      Reply
      1. AvatarLuca

        E’ assurdo, anche perché la betaina è una sostanza naturale che come controindicazioni stiamo quasi a zero (certo se non si eccede, ma per eccesso si deve arrivare a diversi/molti grammi al giorno!), in pratica è estratta dalla barbabietola .
        Comunque, per te che stai nel campo sto notando che sono tantissimi (troppi) gli integratori in Italia che in pratica sono quasi acqua fresca, causa dosi omeopatiche: a cosa è dovuto tutto ciò?? Non mi pare che dipenda sempre dalla normativa, forse dipende dalla volontà di risparmiare??

        Saluti. e grazie per la risposta.

        Reply
  29. AvatarRoberto

    Ciao Luca, grazie per aver condiviso la tua esperienza; anch’io sono risultato positivo alla mutazione MTHFR C677T in omozigosi con 43 di omocisteina, il medico mi ha prescritto Omometil cps e desideravo sapere, se possibile, quali sono le differenze con Betafolic Plus; per ultimo se volessi rivolgermi ad uno specialista a chi mi devo rivolgere?
    Grazie per la disponibilità.

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Ragazzi, io apprezzo ed anzi, sono lusingato che commentiate i miei articoli ma per favore, non mi chiedete più ‘che ne pensi di questo o quell’altro integratore’. Mi sembra di essere stato chiaro scrivendo l’articolo sull’acido Folico.. se un Integratore, anche fatto dall’ Azienda più fica del mondo, contiene Acido Folico sintetico e non la forma attiva (come più volte scritto, leggete bene la formulazione) io penso tutto il male possibile! Se invece contiene Quatrefolic o simili (come il betafolic Plus) allora può andare bene, alla fine la scelta e’ soggettiva e determinata da altri parametri (come i dosaggi, la presenza o meno di sostanze accessorie come Serina & Betaina ecc ecc ecc).
      Per risponderti più nello specifico Roberto, il prodotto che menzioni non lo conosco, ma da una rapida ricerca non mi pare abbia la forma attiva.. quindi avendo tu l’omocisteina alta e l’omozigosi… fai le dovute considerazioni!!!

      Reply
  30. AvatarLuigi

    Forse sono stato uno dei primi a scoprire il tuo blog e a complimentarmi con te per aver sottoposto all’attenzione della rete, un problema apparentemente poco significante, ma che invece , a mio avviso, ha un importanza cruciale sia per la prevenzione di alcune malattie, sia per la prevenzione in generale. Leggendo alcune domande che ti vengono poste, noto quanto il problema sia ancora poco conosciuto dai più, e questo non mi meraviglia visto che anche la stragrande maggioranza dei medici lo sottovalutano o addirittura non lo conoscono (soprattutto i medici che non si aggiornano). MTHFR ormai è diventata per me una sigla che mi accompagna da qualche anno e che ho scoperto grazie alla mia tenacia e grazie anche ad internet. Ci sarebbe molto da dire in proposito, ma non lo farò poiché è di altro che voglio discutere. L’MTHFR è una mutazione genetica e come tale, se non attenzionata, col tempo potrebbe causare diversi problemi di salute. Mi limito citando ad esempio la omocisteina alta e ciò che essa potrebbe causare, al pari e se non di più, di quello che causa il colesterolo. Si tratta di un amminoacido contenente zolfo che nessuno ti dice di controllare, ma che a detta di molti ricercatori e studiosi della materia, può essere considerato come un vero killer che può provocare ictus, infarto, tumori ecc. La mia irritazione, a riguardo, nasce ogni qualvolta sento parlare di prevenzione, questo perché anche di fronte ad un problema che potrebbe essere risolto, o contenuto con una spesa minima, ci troviamo, nello specifico, a dover chiedere cosa fare o a chi bisogna rivolgersi come specialista, così come fa Roberto. Personalmente controllo i folati, la B12 e la omocisteina ogni tre mesi. Lo faccio perché ancora non ho trovato dalle mie parti uno specialista preparato in materia ed anche perché ho constatato che appena abbasso la guardia la omocisteina tende ad alzarsi. Ciò che mi farebbe piacere, è che tutti insieme ci prodigassimo magari con una raccolta di firme da inviare al ministro della salute, affinchè, anche per chi ha la mutazione MTHFR e relativa omocisteinemia ci fosse l’esenzione per gli esami di controllo così come avviene per chi ha l’ ipercolesterolemia. Nell’ ospedale della mia città, l’esame per la omocisteina costa 20,00 euro, la B12 16,00 euro i folati 17,00 euro. Per molti (e in Italia si stima che un buon 40% della popolazione ha tale mutazione), potrebbe essere una spesa gravosa, ma se si pensa a quanto potrebbe risparmiare lo Stato avviando una campagna di prevenzione (magari sottoponendo al test del DNA specifico la popolazione già dall’infanzia).
    Un caro saluto a Claudio e a tutti gli amici che frequentano questo blog.

    Luigi

    Reply
  31. AvatarNicole

    Buongiorno…ho testato l’omocisteina per la priva volta nella vita: ho 30 anni,diverse patologie…e mutazione mthfr c677t in omozigote…e ovviamente acido folico sempre a livelli bassissimi.
    L’omocisteina e’ 12…dunque ,da quel che ho capito,ancora a livelli “normali”.
    Mi è venuto un dubbio riguardo ad un’integrazione che ogni tanto facevo,per via di problemi articolari e perdita di capelli: l’MSM (metilsulfonilmetano).
    Puo’ questa sostanza interferire nel ciclo della metilazione in maniera sfavorevole,per chi ha il polimorfismo…oppure on dovrebbe dare problemi? grazie

    Reply
  32. AvatarMarcella

    Innanzitutto mi unisco ai complimenti per la trattazione chiara dell’argomento.
    Io ho una mutazione mthfr in eterezigote composto c677t -a1298 e omocisteina entro valori normali. Consiglierebbe la sola assunzione di betafolic plus come integratore ? Grazie

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Ciao Marcella, attenzione che la doppia mutazione come l’hai tu, e’ pari se non superiore all’omozigosi. Quindi, SI.. dovresti integrare !

      Reply
      1. AvatarMarcella marino

        Ol, quindi va bene nel mio caso il solo betafolic plus, o non è sufficiente per doppia mutazione come la mia? Grazie

        Reply
        1. AvatarClaudio Remedi Post author

          Va benissimo! Anche perché ragazzi..smettiamola con il concetto ‘dosi massicce o chi più ne ha più ne metta’! A maggior ragione nel tuo caso che hai Omocisteina normale, integrare con un nutraceutico tipo Betafolic Plus, va più che bene! Poi nel caso di altre esigenze particolari, andate dal Medico e valutate un Farmaco (sempre però contente metilfolato)!

          Reply
  33. AvatarLucilla Alba

    Buongiorno, ho trovato oggi questo articolo mentre ero alla ricerca di informazioni scientifiche in merito all’iperomocisteinemia.
    L’ho trovato molto interessante, così come molti dei commenti presenti.
    La mia esperienza, da infermiera vegetariana, ora vegana, è un po’ simile alla vostra.
    In 30 anni di alimentazione vegetariana, un aborto spontaneo, cancro tiroideo e tanto altro, fino alla “banale” acne rosacea, non ho incontrato un medico che si sia preoccupato di chiedermi /chiedersi se la mia alimentazione fosse adeguata. Ora che sono vegana, seguita da una nutrizionista vegetariana, finalmente ho fatto il dosaggio dell’omocisteina, non ancora mthfr. Tutte le vitamine sono “al loro posto”, ma l’omocisteina è 19.
    Nonostante la mia professione sanitari, confesso la mia ignoranza in materia, convinta per anni di essere “al sicuro” da patologie cardiovascolari, ora nel mio percorso di aggiornamento sto scoprendo in mondo, che vi assicuro essere estraneo a troppi in ambito sanitario, così come ho sentito dire an he al dr Berlino nel film FoodRelovution.
    Recentemente ho frequentato in corso di aggiornamento ecm tenuto dalla dottoressa Baroni Luciana. Ideatrice del Piatto veg, credo potrebbe essere la risposta ad alcuni che stanno cercando uno specialista che conosca ed affronti veramente il problema dell’omocisteina a tutti i livelli.
    In bocca al lupo a tutti e grazie.

    Reply
  34. AvatarLORENZO

    HO TROVATO UN BLOG MOLTO INTERESSANTE CON MOLTE TESTIMONIANZE DIVERSE. L’INTEGRAZIONE NON BASTA DOVREBBERO ESSERE TROVATI STRUMENTI DIVERSI ATTRAVERSO LA TERAPIA GENICA CHE POTREBBE ESSERE L’UNICA RISOLUZIONE DEFINITIVA ALLE NOSTRE MUTAZIONI. SONO DEGLI ANNI CHE LEGGO ARTICOLI INTERESSANTI SULL’ MTHFR MA PURTROPPO L’INTEGRAZIONE DI PRODOTTI CORRETTIVI PUÒ ESSERE CHE NON ABBIA EFFETTI PROTETTIVI E SIA TUTTO UN PLACEBO. MI COMPLIMENTO PER IL BLOG. UN SALUTO LORENZO

    Reply
  35. AvatarLuigi

    Se hai l’omocisteina alta, pur avendo uno stile di vita equilibrato e un’alimentazione sana , ed hai la mutazione MTHFR, non puoi parlare di prodotti placebo. Se non integri con folati e vit.b12, essa non rientra nei limiti e potrebbe essere causa di placche aterosiche. Certamente il futuro è nella genetica, ma al momento è meglio tamponare con ciò che si ha a disposizione non credi?

    Reply
  36. AvatarLORENZO

    SALVE. CERTO NON VOLEVO DIRE QUESTO. È CHE PURTROPPO L’ASSUNZIONE DI PRODOTTI TIPO (PREFOLIC, BENEXOL ED ALTRI LASCIAMO FARE POI LA FOLINA DA 5 MG CHE VERAMENTE È UN ASSURDO PER CHI HA QUESTA MUTAZIONE) NON SERVONO IN QUANTO TANTISSIMI STUDI SCIENTIFICI HANNO DIMOSTRATO CHE UN SUPPLEMENTO DI ACIDO FOLICO PIÙ VITAMINA B6 E B12 NON AIUTA A RIDURRE EVENTI IMPORTANTI. VOLEVO SOLO PRECISARE QUELLO E NON DIRE CHE AIUTIAMOCI CON QUELLO CHE ABBIAMO FINO AD ORA DISPONIBILE. QUESTO È OVVIO MA NON È LA SOLUZIONE. HO AVUTO MOLTI CONTATTI INTERNAZIONALI E HO AVUTO SEMPRE RISPOSTE CHE SAREBBE DA CORREGGERE IL CORREDO GENETICO (MA CON COSA?? TALENS?? CRISPR-CAS9?? NON SO). SICURAMENTE SAREBBERO DA PROVARE (ANCHE SE ANCORA NON SICURE AL 100% PROCEDURE COME I VETTORI VIRALI CHE TRASPORTANO IL GENE SANO NEL BERSAGLIO DELLA CELLULA). MA QUESTO NON È ANCORA POSSIBILE (ANCHE SE MOLTO VICINO). PER IL MOMENTO CURIAMOCI CON QUELLO CHE ABBIAMO (BEN POCO ANCORA PER CHI HA PROBLEMI GRAVI COME IL NOSTRO). SALUTI L.M.

    Reply
    1. AvatarCesare

      Il problema non sono le integrazioni di metil-folato e acido folinico e metil cobalamina, ma comprendere dove sono i colli di bottiglia reali nei vari cicli, rimetilazione, transsulfurazione, acetilazione, ecc… Sono molti i polimorfismi da prendere in considerazione. I principali sono quelli citati dalla Yasko, COMT, MTHFR, MTRR, MTR, VDR, MAOA, SHMT, NAT1, SOD2, CYP1A, CYP1B, ecc… Su quella base bisogna comprendere i problemi principali a livello di metabolismo biochimico e integrare di conseguenza. Prendere in considerazione solo la mutazione mthfr è molto limitante. Per approfondire : http://www.heartfixer.com/AMRI-Nutrigenomics.htm

      Reply
      1. AvatarClaudio Remedi Post author

        Cesare, certamente! La Metilazione e’ un argomento vastissimo e di certo non sono io a volerlo banalizzare.. in questi due articoli ho voluto solo fare luce su uno spicchio del problema mettendo al corrente tante persone che lo ignoravano. Da qualche parte bisognerà iniziare.. meglio evitare l’acido folico per esempio ed assumerlo in forma attiva piuttosto che bombardarsi di ‘sintetico’ e non fare nulla perché tanto il problema ‘e’ vasto’! Questo qui e’ lo scopo.. poi se si vuole approfondire ci sono diverse fonti attendibili! 😉

        Reply
        1. AvatarCesare

          Senza dubbio, il mio commento era in risposta a Lorenzo, che parlava di placebo e integrazioni inutili. Quando sono “inutili” è perchè non si è tenuto conto di tutti i polimorfismi importanti.
          Il tuo articolo è scritto bene ed è un’ ottima fonte di informazioni, specie per noi in Italia che siamo molto indietro sull’ argomento.

          Reply
  37. AvatarEnzo

    Anche io mutazione MTHFR omozigote, spero vivamente che si intervenga sui geni

    Reply
  38. AvatarJade27

    Salve,
    Grazie per questo articolo, io ho scoperto due giorni fa di essere incinta. Oggi sono a 4+1, ho mutazione omozigote con valore omocisteina a 7,8. La ginecologa ora è all`estero e già prima della gravidanza mi aveva dato folina 5mg e inofolic bustine con 200mg di acido folico. Il giorno del positivo ho sentito la dottoressa e mi ha detto di prendere folina 5mg quindi per il momento prendo solo folina 5mg e da domani prenderò progesterone dato dalla dottoressa. Io sono preoccupata per la mia mutazione, ho paura di un eventuale aborto e la visita internistica per i problemi di coagulazione la farò l 8 marzo. Fino ad allora cosa devo fare? Io mi sono informata su internet e ho letto che altri medici danno prefolic15, lei cosa mi consiglia? Continuo con folina 15? Io prefolic l avevo preso già qualche anno fa insieme alla pillola. Oppure devo continuare come prima della gravidanza ad assumere folina 5mg e inofolic bustine? Grazie mille per la risposta

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Ciao Giada! Complimenti in primis, quando si scopre di essere incinta e mettere al mondo un essere umano immagino essere una splendida gioia.
      Detto ció, purtroppo non posso dirti cosa fare.. sei in cura da una dottoressa.. io non sono un medico, per cui, se hai letto l’articolo, l’unico consiglio che posso darti e’ di farlo leggere anche alla tua dottoressa e farà lei le valutazioni del caso. In scienza e coscienza ognuno poi farà le sue valutazioni (tu in primis). In bocca al lupo

      Reply
  39. AvatarLORENZO

    IN RISPOSTA A CESARE VOLEVO PRECISARE INDICANDO SOLUZIONI (PLACEBO) AVENDO CONSIDERATO UNA AMPIA VARIETÀ DI POLIMORFISMI CORRELATI ALLA METILAZIONE, ACETILAZIONE E QUANTO ALTRO DICI CORRETTAMENTE TE. CONCORDO CHE È BANALE CONSIDERARE IL SOLO MTHFR LA CAUSA DI TUTTI I PROBLEMI. ESPRIMO IL MIO PENSIERO CHE LA TERAPIA GENICA POSSA ESSERE L’UNICA CURA A DIVERSE MALATTIE (DALLE METABOLICHE ALLE TUMORALI ALLE CARDIACHE E VIA DICENDO). CRISPR-CAS 9 È STATA NEL 2012 UNA GRANDE SCOPERTA ANCORA DA MIGLIORARE OGGI IL NOSTRO TEAM DEL CIBIO DI TRENTO (CON LA GRANDE ANNA CERESETO) HA MIGLIORATO LA PROTEINA CHIAMATA EVOCAS 9 CHE TAGLIA IN MANIERA PERFETTA IL DNA MALATO. SCOPERTA FATTA NEI LIEVITI DOVE LE CELLULE SONO PIÙ SIMILI AGLI ESSERI UMANI. ORA VANNO TESTATE NELLE CELLULE EUCARIOTICHE. IL GROSSO PROBLEMA QUANDO CI SONO QUESTE GROSSE SCOPERTE E CHE CI SONO INTERESSI ECONOMICI TROPPO GRANDI. PER CUI ANCHE QUESTA RIMARRÀ CHIUSA IN UN CASSETTO PER DECENNI. CON GRANDE DISPIACERE MA LO PENSO SINCERAMENTE. ERA PER PRECISARE CON CESARE FORSE DELLE COSE SU CUI MI SONO ESPRESSO MALE. NON ERA MIA INTENZIONE. SALUTI

    Reply
    1. AvatarCesare

      Quando parliamo di polimorfismi dobbiamo capirci. Qualunque tecnica come la CRISPR-CAS9 serve per creare modificazioni epigenetiche, non va a modificare un polimorfismo, in quanto per lavorare a quel livello bisognerebbe agire a livello embrionale sulle staminali, non su individui adulti. Ciò che è importante è comprendere i propri slowdown metabolici e aiutarli con integrazioni mirate.

      Reply
  40. AvatarMarcella

    Qualcuno mi sa dire se c è correlazione tra la sospensione di integrazione con betafolic e una sonnolenza diurna pazzesca??? Ho finito ciclo di tre mesi ed ora ho sospeso da circa un mese….
    Mi si chiudono le palpebre quasi!!!

    Reply
    1. AvatarChristian

      Ciao Marcella, io ho appena iniziato ad assumere metilfolato (ho mutazione MTHFR c667t in omozigosi). Volevo chiederti se, al di là del problema sonnolenza durante la sospensione, assumendo Betafolic a livello di umore, memoria e vitalità tu abbia percepito miglioramenti.
      Te lo chiedo perchè non trovo testimonianze in rete che parlino di un effettivo benessere percepito con l’integrazione, al di là dei valori ematici di omocisteina normalizzati.

      Reply
  41. AvatarMarcella

    L umore è davvero peggiorato ma ormai non capisco più se pwggiora in mancanza o in presenza di integrazione.

    Reply
    1. AvatarClaudio Remedi Post author

      Attenzione a fare correlazioni improprie. Quello che dice Marcella e’ sacrosanto.. sono sue sensazioni e nessuno può’ obiettarle ma un conto e’ avere prove a sostegno ed un conto e’ avere sensazioni. L’umore poi, assolutamente in correlazione con la nostra mutazione.. può esser molto variabile anche in presenza di altre cose.. non per forza correlate a carenze d’integrazione.. ma a momenti di vita ecc. Comunque Marcella se noti un ‘peggioramento’ generale da quando hai smesso ad Integrare, ricomincia.. Ricordiamoci comunque che non sono farmaci, ma semplice integrazione.. ed ognuno di noi e’ differente.. solo provando e testando riusciamo ad ottenere il giusto equilibrio.

      Reply
      1. AvatarChristian

        Magari si è verificato un fenomeno di rebound. Quando la sospensione di un farmaco (integratore in questo caso) non è graduale, a volte si rischia l’effetto rebound e la gravità dei sintomi è spesso peggiore rispetto ai livelli di pre-trattamento.
        Si potrebbero fare 2 mesi di assunzione giornaliera, un mese riducendo le dosi a giorni alterni e poi un mese di sospensione?

        Reply
        1. AvatarClaudio Remedi Post author

          Si Christian, come dicevo ognuno e’ differente ed in linea di principio fare da soli senza un consulto medico non va mai bene.. quello che dice ha un senso, anche se, per esempio su di me, non avviene.. ma ripeto, può esser successo quello che dici perché appunto, non siamo tutti uguali, e la tua soluzione può’ esser efficace. Grazie

          Reply
  42. AvatarMarcella

    Si, Claudio. Infatti ho ricominciato ad integrare per osservare meglio i cambiamenti. Comunque le ultime analisi sono ok, in tutti i valori, con omocisteina a 8.10.
    Devo capire da cosa dipende questa eccessiva sonnolenza, torpore diurno e l’ eccessiva irritabilita’ , nervosismo attacchi di rabbia ecc . che non sono tratti tipici miei.

    Reply
    1. Avatarmarcella

      salve,

      giusto per fare un update. La situazione umore irritabilita’ ecc e’ migliorata di molto assumendo Magnesio. Adesso non mi rimane che capire se e come riprendere ad integrare con betafolic….o assumere entrambi?

      Reply
  43. Avatarpamela

    Buongiorno, è possibile assumere la b12 contenuta in berafolic plus nonostante.si è avuto un tumore? premetto di avere b 12 a 130…bassissima. Grazie

    Reply
  44. AvatarMonica

    A Pamela,
    Non so se il blog sia morto nel frattempo, ma anche io ho avuto un tumore e sono anni che mi informo di mthfr e in Italia vorrei sapere a CHI rivolgermi. Un ematologo emancipato? Un genetista? Un biologo? In USA se ne occupano i naturopath, la medicina integrativa. Consiglio a tutti quelli che sanno l’inglese di vedere il sito mthfr.net. Oltre a vendere corsi e integratori, e molto aggiornato. Me Mutazioni MTHFR sono molteplici, e si é vista una correlazione anche con i tumori, quindi che dire, anche io non sono sicura sul da farsi.. Sto pensando che se finalmente riesco a reagolarr le mie via metaboliche assumendo acido filo o e vit b12 in forma metilati, unita a vit B603 e magari si é visto anche alla carnitina, riesco a 1) diminuire la mia Omocisteina 2) aumentare l’assorbimento di vit b12 3) aumentare la produzione di Glutatione 4) migliorare il metabolismo delle tossine e dei radicali liberi…etc etc. Insomma da profana credo che ristabilendo un processo metabolico non faccio che prevenire la possibile insorgenza di recidive. Che ne pensate?
    Claudio grazie del blog, esaustivo. PS: io mi trovo bene con 400mcg di metilfolato, ma é veramnete soggettivo

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.